Questo sito e finanziato grazie al contributo di

Nell'ambito del progetto

Gestito da

Con la collaborazione di

 

 

Albania

CulturaCultura

 


CittàCittà

 


NaturaNatura

 


I nostri viaggi

Social

Ultimi Tweet

Informazioni

Capitale: TIRANA
Popolazione: 3.256.000
Superficie: 28.748 km²
Fuso orario: nessuna differenza oraria con l'Italia

Lingue: albanese, diffusa la conoscenza di italiano e inglese

Religioni: musulmana, ortodossa, cattolica.

Moneta: Lek ( cambio medio 1,00 € = 138,00 Lek)

Prefisso per l'Italia: 0039
Prefisso dall'Italia: 00355

Ambasciata d'Italia a Tirana : Rruga Dgjon Pali II, n. 2

Telefono Ambasciata: +355.42.275900 (centralino passante, valido anche per la Cancelleria Consolare) numero di emergenza connazionali 24h : +355.42.274900

 
Documentazione necessaria per l'ingresso in Albania dei cittadini italiani PDF Stampa E-mail

Passaporto/carta d'identità valida per l'espatrio: è necessario viaggiare con uno dei due documenti che abbia una scadenza superiore di almeno tre mesi alla data di rientro dall’Albania. Non è più prevista la tassa d’ingresso. Per i cittadini UE non è necessario il visto d'ingresso. Si rammenta tuttavia che la normativa albanese sul soggiorno degli stranieri prevede che non si possa soggiornare nel Paese per un periodo superiore a 90 giorni nell'arco di 6 mesi. Chi deve trattenersi per un periodo superiore deve pertanto chiedere un permesso di soggiorno alle competenti Autorità albanesi. Coloro che non ottemperano a tale obbligo rischiano di vedersi rifiutato il diritto di ingresso in Albania (o di essere espulsi dal Paese, con conseguente divieto di reingresso, nel caso in cui si trovino già in Albania e superino i 90 giorni consentiti nel semestre).

 
PDF Stampa E-mail

L'Albania è ben nota per la sua tradizionale ospitalità e la natura straordinaria. Il clima di questo paese piccolo varia da zona in zona, si va dal caldo mediterraneo al freddo continentale, con inverni relativamente brevi ed estati calde e secche. L'Albania è un contenitore di secoli di storia con antichi siti archeologici, medioevali, villaggi moderni, e una costa magnifica con acque cristalline. L'Albania è situata geograficamente in Europa, nella parte occidentale della penisola balcanica, ed è facilmente raggiungibile in aereo, via terra e mare. Il territorio dell'Albania è noto per la sua varietà dei paesaggi ed i diversi relievi. Spiagge rocciose, lagune, colline rocciose, alte montagne, valli e fiumi sono le componenti chiave di questa combinazione perfetta, che aspetta solo di essere scoperta dai visitatori. La costa meridionale albanese si distingue per la particolare bellezza ed è considerata una delle perle del Mediterraneo. Montagne si innalzano alle spalle delle spiagge, creando un ambiente ideale per chi cerca una vacanza perfetta. Tutta questa natura inesplorata si trova all'interno di un territorio relativamente piccolo di 28.748 km2.(Lombardia e Liguria messe insieme) .

Si ritiene che le origini preistoriche degli albanesi provengano da una tribù indo-europea conosciuta come "Pellazgs" dallo storico greco Erodoto. I Pellazgs sono considerati gli antenati diretti degli Illiri e si suppone che esistessero qui per molti secoli. Albania, il nome attuale del paese, è una denominazione illirica proveniente dalla tribù illirica, Albans. L’impegno del governo e di altri istituzioni stranieri di preservare le bellezze dell' antichità, i tesori naturali ed archeologici d’Albania sta trasformando il paese in un vero paradiso per tutte le stagioni e tutti i tipi di turisti.

 
Geografia PDF Stampa E-mail

La superficie dell'Albania è di 28.748 km2 (leggermente più piccolo della Lombardia e Liguria messe insieme). Si trova nella penisola balcanica, a sud-est Europa e condivide i confini con la Grecia, l’ex Repubblica jugoslava di Macedonia, il Montenegro ed il Kosovo. Ad ovest, il paese è circondato dalla costa marina che corre lungo l'Adriatico e lo Ionio. La divisione di questi mari è segnata dalla baia di Valona, circa 170 km a nord del confine meridionale con la Grecia, e dallo Stretto di Otranto, da qui solo 72 km di mare separano l’Albania con l’Italia. L'Albania è composta principalmente da quattro aree topografiche: le Alpi albanesi, la regione montuosa del centro, la regione montuosa del sud e la pianura costiera. L'interno del paese è in gran parte montuoso e circa il 36% è coperto da foreste lussureggianti. Le pianure sono per la maggior parte coltivati ​​a olivi, agrumi e vigneti, l'uva viene utilizzata per produrre la “raki” ed il vino. Ci sono numerosi laghi situati in tutto il paese. Il lago di Scutari è non solo il lago più grande in Albania, ma anche il più grande nei Balcani. Il Lago di Prespa è il più alto lago tettonico in tutti i Balcani. Lago di Ohrid (Ocrida), nella parte orientale del paese, è condiviso con la Macedonia ed è profondo 294 metri.

La costa ionica, conosciuta come la "Riviera albanese", da Valona a Saranda, è allo stesso tempo la parte più bella da visitare, qui vi troviamo alcuni dei paesaggi più pittoreschi del paese. La lunghezza complessiva del confine albanese è 1.094 km, nella quale, 657 km è composto da frontiere terrestri con altri paesi, 316 km li troviamo lungo il tratto del mare, 73 km passano nei laghi e 48 km è incrociano diversi fiumi. Il punto più alto è il monte Korab a 2.751 m sul livello del mare. Inoltre, l'Albania gode di un totale di dodici aree protette come Parchi Nazionale, che insieme ad altre zone coprono circa il 39% del Paese (34.550 ettari).

 
La Popolazione PDF Stampa E-mail

La popolazione albanese arriva a circa 3.5 milioni di abitanti, con una densità di 113 persone per chilometro quadrato. Circa il 51% della popolazione vive in zone rurali. L'aspettativa di vita media è di 75 anni per le femmine e di 69 anni per i maschi. La maggioranza degli abitanti sono albanesi, esistono anche delle etnie di minoranza composte principalmente da greci e macedoni.

Tirana è la capitale ed è anche la più grande città e conta circa 800.000 abitanti.

Altre città importanti e con una numerevole popolazione sono Durazzo, Elbasan, Scutari e Valona.

 
Lingua PDF Stampa E-mail

L’albanese è la lingua ufficiale. Deriva dalla famiglia delle lingue indo-europee ed è un ramo separato ed originale di origini illiriche. Nel suo lessico si può notare l’influenza italiana, il Greco antico e quello moderno, latino e slavo.

Nonostante queste influenze, l'albanese ha mantenuto la sua originalità, sia nei caratteri che nella struttura. L'alfabeto si compone di 36 lettere, ognuna si pronuncia allo stesso modo, indipendentemente dall'utilizzo. Questo permette ai visitatori di imparare in fretta
e facilmente alcune frasi essenziali per facilitare la comunicazione nei luoghi visitati. Molti albanesi, soprattutto nelle grandi città, parlano l’italiano e l’inglese.

 
La Religione PDF Stampa E-mail

In Albania vi è una coesistenza pacifica fra coloro che praticano le diverse religioni. I musulmani costituiscono la maggioranza, ma vi sono anche minoranze ortodosse e cattoliche. Nel 1967, praticare una religione era proibito ed il paese era l'unico stato ufficialmente ateo .Alla fine del comunismo nel 1990, la popolazione albanese ha ottenuto la libertà di esercitare la religione come previsto anche dagli articoli della costituzione.

 
Il Clima PDF Stampa E-mail

L'Albania gode di un clima mediterraneo ed ogni stagione offre distinte ma piacevoli cambiamenti atmosferici. Notiamo delle caratteristiche particolari del clima albanese secondo le diverse regioni:

Le zone costiere: hanno un clima mediterraneo, con inverni umidi ed estati calde e secche.
Le aree alpine: hanno una clima continentale con inverni freddi accompagnati da nevicate continue ed estati temperate.

Le pianure: hanno inverni miti con una temperatura media invernale di circa 7 ° C e in estate di circa 24°C. Le precipitazioni nella pianura variano da 1.000 millimetri ai 1.500 mm all’anno e sono maggiori precipitazioni al nord.

Quasi il 95% delle precipitazioni si verifica in inverno e soprattutto nelle catene montuose dove le precipitazioni sono fitte. Nonostante la pioggia, gli albanesi godono di una grande quantità di sole. L’Albania è al secondo posto dopo la Spagna per quanto riguarda la media annuale dei giorni soleggianti.

 
Economia PDF Stampa E-mail

Dopo la caduta del comunismo, lo sviluppo economico dell’Albania è stato caratterizzato principalmente dalle attività del settore terziario e dell’edilizia. Il turismo sta rapidamente avendo uno sviluppo in diverse località del paese e contribuisce allo sviluppo economico di queste zone. Molti stranieri sono curiosi di esplorare il paese di cui i confini sono stati chiusi dal resto del mondo per molti anni. La diversità delle attrazioni turistiche praticabili durante tutto l’anno e la comodità di raggiungerli fa dell'Albania una destinazione turistica da visitare per i stranieri. L'Albania è un paese ricco di risorse naturali, tra cui in particolare: il cromo, il rame, il carbone, l’accaio, il petrolio ed il gas naturale.

 
Struttura Politica PDF Stampa E-mail

La Repubblica albanese si basa su un sistema democratico parlamentare pluralista.
Il Parlamento è composto da una camera con 140 deputati che vengono scelti ogni quattro anni attraverso le elezioni popolari. Ogni cinque anni il parlamento elegge il Presidente del paese che è anche il Capo di Stato. La nazione è governata dal Consiglio dei Ministri, che è guidato dal Primo Ministro. Il governo locale è condotto dal sindaco e dal consiglio sindacale di ogni comune e città, eletti direttamente e proporzionalmente attraverso le elezioni popolari.

 
Via Aereo PDF Stampa E-mail

L’unico aeroporto civile Internazionale d’Albania “Madre Teresa” (conosciuto anche come aeroporto di Rinas) è ubicato circa 17 km a nord-ovest di Tirana. Per raggiungere Tirana si può usufruire del servizio Bus Navetta che si trova davanti all’ aeroporto e parte verso la Piazza Scanderbeg ogni ora (circa 2 € tratta) dalle 7.00 fino le 19.00. In alternativa si possono prendere taxi (circa 20 €) parcheggiati davanti l’aeroporto. Inoltre, l’aeroporto Internazionale Madre Teresa (TIA) è dotato di diversi servizi contemporanei e rimane aperto 24h, per maggiori info: www.tirana-airport.com.al . Ci sono dei collegamenti giornalieri con diverse città italiane effetuatte da compagnie albanesi e/o italiane: belleair, albanianairlines, alitalia & airone.

 
Via Auto PDF Stampa E-mail

La patente Italiana e riconosciuta dalle autorità albanesi. Nel caso vi recate in Albania con i mezzi propri dovete tenere in considerazione che la maggior parte delle assicurazioni italiane non rilascia una carta verde valida anche per l'Albania. All'ingresso nel Paese, direttamente alla frontiera terrestre o marittima, è pertanto necessario stipulare un'assicurazione temporanea con una compagnia albanese (il cui costo medio per un'autovettura per 15 giorni è di circa 50 Euro). Si consiglia di stipulare un'assicurazione contro tutti i rischi (con copertura anche per il furto). Le condizioni stradali nella maggior parte dell’Albania sono buone, evitare se possibile i viaggi di notte a causa di mancanza di segnaletica e l’illuminazione in alcune strade. Non oltrapassare mai i 50 km/h nei centri urbani e 90 km/h nelle strade nazionali.

 

L’Albania confina via terra con Montenegro, Kosovo, Macedonia e la Grecia.

 

Le dogane d’accesso arrivando dal Montenegro sono: Hani i Hotit, Murriqan, Vermosh.

 

- Hani i Hotit, la strada che collega Podgorica con Scutari

- Muriqan: la strada che collega Ulcinj con Scutari

- Vermosh: la strada che collega le regioni di Plava e Gucia (Gusinje) con la regione di Vermosh

 

 

Le dogane d’accesso arrivando da Macedonia sono: Qafe Thana, Tushemisht, Bllata and Gorica.

 

- Qafe Thane: la strada che fiancheggia il nord ovest del lago di Ocrida collega Struga con Pogradec o Elbasan

- Tushemisht: nel sud est del lago di Ocrida, la strada che collega San Naum con Pogradec

- Bllata: la strada che collega la Dibra e Madhe (la Grande Dibra) con Peshkopia

- Gorica: la strada che collega Oteshevo con Gorica , finchegiando il lago di Prespa.

 

Le dogane d’accesso arrivando dal Kosovo sono: Morina, Qafe Prushi.

- Morina: l’autostrada apena costruita che collega Prishtina con Kukes, è possibile accedere in Albania seguendo anche la strada che collega Gjakova con Tropoja.

- Qafe Prushi: la strada che collega Gjakova con Kruma

 

Le dogane d’accesso arrivando dalla Greccia sono: Kapshtica, Kakavija, Qafe Boti, Tre Urat

- Kapshtica: la strda che collega Thessalonica con Korca

- Kakavija: la strada che collega Janina con Argirocastro

- Qafe Boti: la strada che collega Filat con Konispol

- Tre Urat: la strada che collega Konica con Permet

 

I punti d’accesso più frequentati e con maggiore copertura oraria d’apertura sono comunque : Kakavia e Kapshtica in confine con la Grecia, Qafe Thane in confine con la Macedonia, Morine in confine con il Kosovo e Hani Hotit in confine con Montenegro. La dogana di Muriqan è altretanto frequentata soprattutto nel periodo delle vacanze estive e invernali, tanti albanesi che vivono in Italia scelgono di attraversare Croazia, arrivando a Montenegro per accedere poi alla dogana di Muriqan. Questo tragitto è troppo difficile caratterizzato dalle condizioni pessime della strada che collega il Montenegro con l’Albania.

 
Via Mare PDF Stampa E-mail

L’Albania è facilmente raggiungibile via Mare, esistono dei collegamenti diretti tra i maggiori porti Italiani con i porti di Durazzo e Valona. Il porto di Durazzo offre dei collegamenti giornalieri con i porti italiani di Bari, Brindisi, Ancona, Trieste ma anche con i porti di Koper in Slovenia. Il porto di Valona offre invece dei collegamenti con i porti di Brindisi e Otranto. In alternativa, per chi volesse raggiungere direttamente le coste del sud Albania si può usufruire del collegamento giornaliero che collega isola di Corfù con Sarande.

 

Imbarcazioni:

Per le imbarcazioni da diporto si rammenta di entrare nelle acque territoriali albanesi solo dopo avere ottenuto la necessaria preventiva autorizzazione (con almeno 48 ore di anticipo). Quando si è in procinto di entrare nelle acque territoriali, occorre avvertire il comando della Capitaneria di Porto albanese, a mezzo di apparato radio Vhf sui canali 12 e 16. Le sedi della Capitenera di Porto sono 4: S.Giovanni, Durazzo, Valona e Saranda. Una volta entrati nel porto, è necessario svolgere le ordinarie procedure, presentando i documenti personali , dell'equipaggio e dell'imbarcazione (libretto di navigazione). E' previsto il pagamento di una tassa di approdo ed eventuali spese portuali, in caso di sosta, che sono calcolate in proporzione alla stazza netta dell'imbarcazione, il cui ammontare è comunque irrisorio. Inoltre è prevista una somma fissa di 34 euro per le spese dell'agenzia marittima, che funge quale intermediario per l'effettuazione delle procedure.
Per quanto riguarda la polizza assicurativa aggiuntiva, si consiglia di verificare la copertura con la propria compagnia.

 


Aiutateci con un piccolo contributo!

Amount: